ALLIEVI REGIONALI A TESTA ALTA CONTRO LA CAPOLISTA

VIRTUS SOVERATO – AIVIO CATANZARO    4 – 2
VIRTUS SOVERATO: Mercurio, Talotta, Montirosso, Cannistrà, Anania, Malla, Zangari, Teudale, Procopio, Marra, Squillacioti. In panchina: Balzano, Froiio, Arcidiacono, Ranieri, Nifosi, Zoleo, Procopio. All.: Pellegrino

AIVIO CATANZARO: Lupica, Lagonia, Costa, Polia, Dolce, Caridi, Galati, Masciari, Cristiano, Mauro, Giordano: In panchina: Colicchia, Toto, Garouan, Rizzuto, Margiotta. All.: Scarpino

MARCATORI: 4′ pt Mauro (rig.)  (A), 7′ pt  Procopio (S), 22′ pt Montirosso (S), 31′ pt Caridi (A), 16′ st  Procopio (rig.) (S), 38′ st Cannistrà (rig.) (S)

Gli Allievi Regionali sfornano una grande prestazione, ma non basta per uscire indenni dal campo della fortissima capolista Soverato, complice anche la direzione tutt’altro che positiva dell’arbitro, le cui decisioni più che discutibili hanno influito sull’esito del match.

Passando a raccontare la gara, al 3′ inzia bene l’Aivio Catanzaro con una bella discesa sulla sinistra di Lagonia, che serve al centro per l’accorrente Mauro che di prima intenzione calcia un gran tiro che sorvola di poco la traversa.  Un minuto dopo i giallorossi passano: Dolce ruba palla a centrocampo e scambia con Mauro, che da lontano vede e serve Caridi, il quale viene atterrato in area da Montirosso. Rigore ineccepibile, che Mauro trasforma senza problemi. Ma la reazione del Soverato non si fa attendere: i padroni di casa trovano dopo soli 4’ il pareggio, con un’incornata vincente di Procopio. Al 15′ replica l’Aivio Catanzaro, con un forte tiro di Caridi che lambisce il palo. Al 21’ accade l’incredibile: Mazza ruba pallone a Dolce e serve sulla sinistra Montirosso,  che manda al centro il pallone: l’arbitro fischia ed alza la mano per indicare una posizione di fuorigioco e così tutti i difensori si fermano, compreso Lupica, che lascia scorrere il pallone in rete. Si dovrebbe riprendere con un calcio di punizione, ma clamorosamente l’arbitro convalida il gol, tra le proteste dei catanzaresi. Al 29′ l’Aivio Catanzaro, già senza lo squalificato Rania, perde per l’infortunio Lagonia, che bene stava facendo sulla fascia sinistra, ma non si arrende, continuando a macinare gioco e a siglando al 31’ il 2-2 con un bel diagonale di Caridi.

Nella ripresa partono bene i ragazzi di mister Scarpino, con il neo entrato Garouan, che salta in dribbling Montirosso e con un gran tiro dal limite dell’area di rigore locale sfiora la realizzazione. Al 16′ il Soverato torna in vantaggio con un rigore che definire dubbio è un eufemismo: azione confusa in area catanzarese,  con Polia che su un tiro si protegge il volto con le mani senza che queste siano staccate dal corpo. L’arbitro invece concede la massima punizione e Procopio trasforma. Al 21′ Margiotta, che nel frattempo ha rilevato Costa, serve al centro Caridi, che chiama Mercurio ad un difficile intervento. Al 26′ Soverato in dieci per l’espulsione di Marra (fallo di reazione su Masciari), ma può sfruttare gli spazi in contropiede concessi dall’Aivio Catanzaro, tutta in avanti alla ricerca del pareggio. Così al 37’, dopo l’infortunio di Lupica, Giordano commette un ingenuo fallo in area e Cannistrà dal dischetto chiude i conti.

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *